venerdì 2 dicembre 2016

Uomo e ambiente nel territorio vesuviano con la Pro loco Boscoreale

Per la prima domenica del mese di Dicembre, in occasione della #domenicalmuseo che prevede l’ingresso gratuito nei musei statali, la Pro loco Boscoreale “La Ginestra” ha immaginato una insolita e “golosa” accoglienza all’Antiquarium Nazionale “Uomo e ambiente nel territorio vesuviano” con piccole degustazioni di prodotti gastronomici storici.

Il Museo illustra la vita e l’ambiente dell’epoca romana in area vesuviana. Nella prima sala sono esposti numerosi reperti, prevalentemente organici in eccezionale stato di conservazione provenienti da scavi effettuati da Ercolano fino a Stabia. Essi, infatti, permettono di ricostruire in modo molto preciso la vita quotidiana, gli usi e costumi ma soprattutto le tradizioni alimentari degli abitanti di questo territorio. La seconda sala, invece, conserva reperti provenienti dalle fattorie agricole fuori le mura di Pompei e fornisce un ottimo spunto per raccontare la millenaria macchinazione dell’ormai famigerato “Tesoro delle Argenterie” che oggi è esposto al Museo del Louvre di Parigi.

Accanto all’Antiquarium è visibile (purtroppo solo esternamente) l’unica e sola fattoria dell’ager pompeianus: la villa rustica in località Villa Regina (visibile esternamente, dove la produzione di vino era l’attività principale.

Programma:
Ore 10:30 Appuntamento all’ingresso dell’Antiquarium di Boscoreale in via Settetermini, Viale Villa Regina.
Accoglienza con piccola degustazione e assaggi “storici”
Ore 11:30 Percorso narrato a cura dei volontari della Pro loco “La Ginestra”

Si segnala che la prenotazione è bbligatoria:
proloco.boscoreale@gmail.com
334 8259288
(previsto contributo organizzativo di € 5,00 - per i soci 2016 € 4,00)
L'evento si svolgerà al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

giovedì 1 dicembre 2016

Luminarie natalizie Scavi di Pompei.

Luminarie natalizie, per il primo anno, all'ingresso degli Scavi di Pompei.
Si segnala che a partire dal 3 dicembre prossimo, i visitatori del sito archeologico di Pompei, saranno accolti con l'allegria che caratterizza il periodo natalizio, ma anche con la riapertura di tante bellissime Domus restaurate. Cinque sontuose case saranno restituite ai visitatori.


Un mondo senza forza di gravità

BFMR & Partners ospita, dal 2 dicembre 2016 al 28 aprile 2017, la mostra personale di Alessandra Binini, artista di S. Polo d’Enza (RE) da sempre interessata al tema della donna e del sacro.

Presentata da Sandro Parmiggiani, l’esposizione s’intitola “Un mondo senza forza di gravità” in riferimento ai soggetti delle opere esposte, in cui la figura femminile, protagonista indiscussa della scena, si libra lieve nell’aria, come se la Terra fosse un tappeto elastico su cui saltare senza fine, per riscattarsi dalle sofferenze e dalle solitudini del vivere quotidiano.

In mostra, una trentina di opere ad olio su tela e su tavola, alcune delle quali di grandi dimensioni, tutte realizzate dal 2003 ad oggi.




Collettiva opere su carta e cartoncino dei maggiori artisti del Novecento italiano

Si segnala per il periodo natalizio, dal 3 dicembre 2016 al 14 gennaio 2017, la Galleria de’ Bonis di Reggio Emilia propone una collettiva di opere su carta e cartoncino dei maggiori artisti del Novecento italiano.

La proposta spazia da disegni e schizzi preparatori fino a opere finite vere e proprie, da studi a matita a collage fino agli acquerelli, per indagare tutta la potenzialità del sorprendente supporto cartaceo.

Si segnala sabato 17 dicembre, alle ore 18:00, brindisi di auguri in galleria.



Settecentesca Cappella dell'Addolorata

Alcune foto della settecentesca Cappella dell'Addolorata in via Pessina n.6 in San Giorgio a Cremano (Napoli):















mercoledì 30 novembre 2016

La ragione e l'immaginazione


Se lo conosci lo lieviti



L’arte contemporanea, “parte” dai tradizionali circuiti espositivi, e “atterra” all’Aeroporto di Capodichino, nell’Area Tradizione Italiana Cocktail Bar, il 1 dicembre 2016 dalle ore 17:00 alle 21:00 con la video installazione site-specific intitolata “Se lo conosci lo lieviti” diCarla Viparelli, voluta dall’Azienda Cupiello, marchio commerciale della Fresystem SpA, leader produttivo sul panorama internazionale della colazione italiana e consorziato di Tradizione Italiana.

Come i cicli di opere Le Madonne, Le Scale, I Monti, questa volta l’artista, indaga il lievito madre, una sorta di “primo motore immobile” al centro di un universo strutturato in cerchi progressivi di cornetti, cui dà vita. L’installazione, infatti, consiste in un grande albero di Natale multisensoriale in cui si entra e all’interno ci si trova immersi in una video animazione proiettata a pavimento, con addosso gli elementi in movimento della proiezione.

L’animazione “Se lo conosci lo lieviti” utilizza due elementi fondamentali della produzione Cupiello: il lievito madre e i cornetti. Il lievito madre che come sottolinea l’artista- “ha una pregnanza filosofica, è un materiale vivo, che attraverso una sua piccolissima parte dà vita e crescita ad un numero illimitato di elementi che recano tutti in sé l’ologramma della pasta madre originaria. Un universo olografico che si riproduce all’infinito”. L’arte per la Viparelli è soprattutto un gioco, gioia di vivere e condivisione. Arte come riflessione attraverso giochi di parole, associazioni di idee ed immagini. Cornetti, ciambelle, muffin, lievito madre e tanti altri prodotti Cupiello prendono vita per sottolineare la capacità dell’uomo di conservare pur nell’affollarsi dell’immagine tecnologica il contatto con le nostre radici primigenie e la consapevolezza dell’evoluzione della percezione.

E’ così che i viaggiatori dell’Aeroporto di Napoli, saranno accolti, ed invitati a visitare l’albero d’artista per tutto il mese di dicembre.

Firenze “città delle corde” per un giorno


Si segnala che sabato 3 dicembre quaranta luoghi culturali cittadini si trasformano per un gorno nel palcoscenico per trenta ore di musica, eventi musicali grandi e piccoli, realizzati solo con strumenti a corda, dal violino alla voce. Un’esperienza unica, un viaggio nella musica ricco di sfumature.

Anche la Fondazione Palazzo Strozzi partecipa all’iniziativa ospitando il concerto Hic et Nunc (duo, quartetto e solista) a cura della Scuola di Musica di Fiesole. La musica contemporanea riempie gli spazi della mostra di Ai Weiwei. Libero, per un’immersione totale ed appagante nell’arte di oggi.

Si segnala che il primo spettacolo alle ore 20.30, in replica alle ore 21.30 e alle ore 22.30 (durata 30 minuti). Il percorso musicale avrà luogo solo in alcune sale della mostra, che non potrà quindi essere fruita liberamente.

Biglietto gratuito, prenotazione obbligatoria.
Per info e prenotazioni → www.stringscity.it