mercoledì 18 gennaio 2017

Salici sul fiume


Autore: Duilio Corompai o Korompay (1876 - 1952).
Titolo: "Salici sul fiume" - (1910).

martedì 17 gennaio 2017

Mostra del corso di fotografia #ioscatto




Si propongono alcune foto:

Fotografia di Sabrina Storoni

Fotografa di Marianna Cino

Fotografia di Valentina Mirra

fotografia di Consiglia Punzo

Fotografia di Consiglia Punzo

Fotografia di Luigi Storioni


Fotografia di Marianna Castellano

Fotografia di Rosaria Pannico
 
Fotografia di Marianna Cino

Fotografia di Paola Petitto

Fotografia di Rosaria Pannico

Fotografia di Giulia De Simone


lunedì 16 gennaio 2017

Donna che cuce



Autore: Bertha Wegmann (1846- 1926) 
Titolo: "Donna che cuce", 1891

sabato 14 gennaio 2017

Alla Mediateca Marte una mostra sulle Strade Statali: la prima in Italia

Con inaugurazione alle 17:30 di sabato 14 fino a domenica 21 gennaio, sarà esposta presso la Mediateca Marte di Cava de’ Tirreni, nella Piazzetta Nicola Di Mauro, la mostra Le Vie nazionali – Viaggio fotografico alla scoperta delle Strade Statali dell’Italia del Sud, di Licio Pallino.
La mostra si compone di 52 fotografie ognuna corredata da didascalia, 35 strade statali e altrettante cartine illustrative: è la prima volta che una mostra del genere viene esposta in Italia.

L’autore, il cavese Licio Pallino, ha selezionato le foto in esposizione tra le centinaia scattate durante i suoi viaggi di lavoro (è entomologo area manager di una multinazionale olandese.) nei percorsi lungo le strade statali del Sud (quelle istituite nel 1928), oggi spesso disusati, ma da lui preferiti alle autostrade per poter entrare in piena sintonia con il territorio. In particolare, l’autore si è concentrato sulla scoperta delle case cantoniere che tuttora costellano queste strade, alcune delle quali brillantemente restaurate e conservate, altre invece in pieno degrado e meritevoli di miglior sorte e di uso ben più produttivo. Inoltre è andato alla scoperta dei significativi segni della Storia che ancora si ritrovano lungo le nostre statali. Tra questi, la dogana borbonica di confine tra Regno delle due Sicilie e lo Stato della Chiesa, o l’ottocentesco ponte di ferro sul Garigliano, il primo costruito nell’Europa continentale, o il cippo in memoria di un carabiniere ucciso dai briganti, e così via.
A rendere ancora più attrattiva la mostra, il fatto che le immagini hanno tutte le qualità di bellezza estetica delle foto di esposizione e nello stesso tempo possiedono una valenza culturale e documentaria di notevole portata.

venerdì 13 gennaio 2017

CODEX. La forma del messaggio

Venerdì 13 gennaio 2017, alle ore 17,00 a Napoli, presso Movimento Aperto, via Duomo 290/C, si inaugura la mostra CODEX. La forma del messaggio, presentazione di Marcello Carlino.

L’evento è stato promosso dalla Pinacoteca d’Arte Contemporanea “Giovanni da Gaeta” di Gaeta ed organizzato dalle Associazioni Culturali “Movimento Aperto” di Napoli e “Fuori Centro” di Roma.

 "Da sempre, il bisogno di comunicare, ha indotto l’uomo a tradurre in forme visive il proprio pensiero e questa necessità ha imposto fin dagli esordi la ricerca dei supporti su cui esercitare tutte le forme d’espressione; il materiale interviene sul gesto, lo strumento, la grafia.

Da qui nasce nella ricerca artistica quell’ampia sezione definita genericamente “Libro d’artista” dove il supporto, la forma e la creatività diventano un tutt’uno.

La mostra si propone come un’esperienza di senso e una riflessione sulla vitalità della forma/libro in un momento in cui un diluvio di immagini e di parole testimonia proprio la difficoltà del comunicare, l’usura degli strumenti tradizionali e dei linguaggi. Indecifrabile, ossimorico, ibrido oggetto, il libro d’artista non è il libro illustrato. Il libro d’artista disturba le abitudini visive, le gerarchie della comunicazione. E’ quindi un territorio di conflitto, un corto circuito. Amato dalle avanguardie del Novecento, piace anche oggi, quando la forma stessa del libro è in crisi. L’evento si propone di dar conto delle varie tipologie in cui si può riconoscere il libro d’artista, esplorandone il senso".

GLI ARTISTI: Minou Amirsoleimani, Maria Cristina Antonini, Michele Attianese, Vittorio  Avella, Antonio  Baglivo, Franca Bernardi, Francesco Calia, Antonio Carbone, Elettra Cipriani, Pasquale  Coppola, Gianni De Tora, Lucia Di Miceli, Gabriella Di Trani, Eduardo  Ferrigno, Salvatore Giunta, Antonio Izzo, gruppo Laloba, Silvana Leonardi, F. Lucrezi – C. Isernia, Giuliano Mammoli, Cosetta Mastragostino, Rita Mele, Patrizia Molinari, Luigi Pagano, Antonio Picardi, Teresa Pollidori, Giuseppe Ponzio, Rosella Restante, Marcello Rossetti, Gianni  Rossi, Alba Savoi, Grazia Sernia, Filippo Soddu, Ernesto Terlizzi, Pasquale Truppo, Ilia Tufano, Oriano Zampieri


INFO:
Luogo: Associazione Movimento Aperto, via Duomo 290/C – Napoli
Periodo: dal 13 al 31 gennaio 2017
Orario: lunedì e martedì ore 17/19, venerdì ore 10,30/12,30, altri giorni su appuntamento.



giovedì 12 gennaio 2017

Wespace Talent Art Show - Collettiva


Da venerdì 13 gennaio in Vico del Vasto a Chiaja, 52 si incontrano moda e stilisti, libri e musica, persone e le produzioni  eno  gastronomiche dell'eccellenza campana a km zero.  Un luogo che offre l'incontro, la convivialità e mette in rete gli aspetti diversi della creatività sotto le forme e linguaggi dell'arte, e il curatore Gianni Nappa che ha scelto 23 artisti per incontrare le diverse facce della produzione contemporanea.    

Angelo Abbondandolo/Alessandro Ciambrone/Alessandro Viglione/Anna Esposito/Barbara Karwowska/Beatrice Zappia/Cristina Cianci/Francesca Confessore/Gabriella Gorini/Giancarlo Frezza/Gian Infante/Paola Lambitelli/Paola Paesano/Luciano Romualdo/Luigi Tirrino/Raffaele Miscione/Raimondo Castronuovo/Rosalba Conte/Salvatore Ciauro/Rea Silvia/Stelvio Gambardella/Tonia Erbino/Marcella Simonelli

"Willy Santangelo, il creativo dell'alta moda nelle calzature con il sapore dell'antica e mai dimenticata artigianalità che fa di una scarpa un unicum figlio dell'esperienza e del gusto. Alta moda che interagisce con l'arte contemporanea e con un sentimento di appartenenza alla nostra terra e le sue radici profonde, fatte di storia e di una città capitale  che lo rimane anche contro i libri di storia dei vincitori.Una scelta curatoriale che ha inteso presentare lavori di generazioni del contemporaneo a Napoli, provenienti da anni e formazioni diverse per mettere in confronto esperienze pittoriche e scultoree che in questi anni hanno interpretato il superamento delle istanze pop a favore di una ricostruita coscienza della qualità nell’operare dell’artista, con la prevalenza della precisione di linguaggi strutturati e riconoscibili degli artisti più conosciuti e le sperimentazioni dei giovani, che in un incontro/confronto del talento espresso sono al passo con le ipotesi dell’ultima figurazione. Anche gli artisti che hanno nella materia la loro operosità entrano di diritto nella collettiva dove il curatore Gianni Nappa ha voluto sottolineare l’importanza di un periodo storico dove il recupero dell’artigianalità nel fare arte sia imprescindibile nel solco delle sperimentazioni  che dagli anni settanta ad oggi in una mancata continuità, ha mantenuto nella stesura di linguaggi attuali la commistione dei generi tra il visuale e il superamento dell’oggettuale. Non si tratta di esaltare un passo indietro nella storia, ma di saper presentare i linguaggi nella pluralità delle esperienze che sono il dato saliente di una ricostruzioni dei saperi tecnici accoppiati alle esigenze del superamento delle mode che anche nelle scuole, spesso seguono le tendenze estemporanee  di neo movimenti riconducibili a matrici vecchie. Quindi senza retorica i talenti che si esprimono con la sapienza pittorica e quella delle mani a saper interpretare le materie per una visione contemporanea al passo con i giorni vissuti".

Teresa Pollidori “Attraversare il tempo sospeso”

Si segnala che da martedì 10 gennaio 2017 lo Studio Arte Fuori Centro, via Ercole Bombelli 22, (Roma), ospita la mostra di Teresa Pollidori “Attraversare il tempo sospeso” a cura di Loredana Rea.

L’esposizione rimarrà aperta fino al 27 gennaio, secondo il seguente orario: dal martedì al venerdì dalle 17,00 alle 20,00.

Si tratta del primo appuntamento di Spazio Aperto 2017 ciclo di quattro mostre in cui l’associazione culturale Fuori Centro invita gallerie e critici a segnalare ambiti di ricerca in cui delineare i percorsi e gli obiettivi che si vanno elaborando nelle multiformi esperienze legate alla sperimentazione.

"La serie di lavori che, Teresa Pollidori ha realizzato per questa nuova personale, rappresenta il punto di arrivo di una ricerca avviata da poco più di un decennio, in cui l’interesse si è concentrato programmaticamente sull’indagine di spazi esplorati con l’obiettivo fotografico. Lo scatto poi è rielaborato attraverso un complesso processo di scomposizione e ricomposizione, in cui l’artista sottrae e aggiunge, rilegge e trasforma, con una metodologia operativa di matrice pittorica, sebbene inevitabilmente digitalizzata, per restituire l’immagine completamente artefatta, frutto di una articolata elaborazione mentale.Tutto, infatti, appare sospeso in un’atmosfera metafisica, che cancellata ogni spontaneità scava silenziosamente la familiarità di uno spazio vissuto, fino a lasciare emergere un inaspettato spaesamento, una sottile inospitalità che in principio non erano percepibili".



Mostra fotografica del corso di fotografia #ioscatto

Si segnala che dal 16 al 23 gennaio 2017 le sale della Biblioteca Comunale di San Giorgio a Cremano ospiteranno una selezione delle fotografie realizzate dai partecipanti al corso di fotografia tenutosi nel mese di novembre a cura del prof. Vittorio Pandolfi.

Si segnala che la mostra sarà visitabile nei consueti orari di apertura della Biblioteca a partire da lunedì 16 alle ore 11:00. 
Si segnla il vernissage perle ore 17:00 di lunedì 16.
L'ingresso è gratuito.