mercoledì 26 aprile 2017

Desert Project

Dopo il successo riscosso all’Istituto Italiano di Cultura di Praga, “Desert Project” approda a Reggio Emilia in occasione di “Fotografia Europea”. Curata da Chiara Serri, l’esposizione di ADAMstudio11 (Francesca Consigli e William Santoleri) sarà inaugurata sabato 29 aprile, alle ore 17.00, alla Galleria 8,75 Artecontemporanea.

«Due artisti sull’altopiano della Majella, in un deserto di pietra ad oltre 2500 metri di altitudine, alla ricerca dell’ultima neve estiva. Decine di migliaia di passi. Cammino e ricerca. Mediata dal ricordo, la neve diviene epifania, accadimento, moderna Sainte-Victoire portata sino ai limiti dell’astrazione». L’esposizione comprende fotografie, materiali documentari e videoinstallazioni, firmati come ADAMstudio11, che sottolineano l’importanza del camminare nella poetica dei due autori, unitamente ad opere pittoriche individuali.





martedì 25 aprile 2017

"San Gennaro nell'arte. Scatti prima del miracolo" mostra fotografica di Massimo Mirra


La mostra fotografica si propone di documentare le diverse rappresentazioni del Santo protettore di Napoli - che pittori, scultori ed artisti hanno realizzato nei secoli - attraverso gli scatti di Massimo Mirra ai luoghi più celebri o meno conosciuti della città.

La mostra, visitabile dal 26 aprile al 3 maggio presso la Biblioteca Comunale di San Giorgio a Cremano nei consueti orari di apertura, si terrà nella settimana che precede il miracolo di maggio: visitarla rappresenterà l’occasione per scoprire, attraverso le didascalie esplicative delle opere fotografate, la storia del Santo e del suo culto.


La Basilica di San Marco

La Basilica di San Marco, Venezia.

Ricordimo oggi la festa di san Marco che è la festa patronale di Venezia che viene celebrata il 25 aprile, in memoria di san Marco evangelista.


lunedì 24 aprile 2017

Al Porto del Granatello di Portici la pulizia dei fondali che rientra nella rassegna “Mare in Mostra”

Si è tenuta questa mattina la mattina del 23 aprile la giornata dedicata alla pulizia dei fondali del Porto del Granatello.

L’evento, organizzato dal Centro Subacqueo Sant’Erasmo, FondaliCampania, Coop. Sepofà ed E.I.T.A.L Campania, ha richiamato nel porto del comune vesuviano un gran numero di persone.
Grande anche la mole di rifiuti pescati dal porto: rifiuti domestici, plastiche varie, bicchieri di vetro, oltre che rifiuti speciali come copertoni di auto di tutte le misure, grosse parti di imbarcazioni, una bici (intera), un passeggino e numerosi detriti di grossa stazza, una rete metallica (2mX4m).

La prossima tappa di Mare in Mostra è il 7 maggio al Molosiglio di Napoli con la pulizia dei fondali.


Metropolitana di Napoli stazione di Piazza Dante

Dante è una delle stazioni d'arte della linea 1della metropolitana di Napoli la cui struttura esterna si presenta con due padiglioni realizzati in vetro ed acciaio che incorniciano la statua di Dante nell’omonima piazza del centro storico della città.


All’interno sono esposte opere di artisti napoletani, italiani e stranieri, tra cui Jannis Kounellis, autore di un'installazione Senza Titolo, con putrelle (che rappresentano dei binari), scarpe, un cappotto, un cappello e trenini giocattolo.

Nicola De Maria ha realizzato un mosaico intitolato Universo senza bombe, regno dei fiori. 7 angeli rossi. Michelangelo Pistoletto ha installato Intermediterraneo, un'opera specchiante in cui è tracciato il profilo del bacino mediterraneo, mentre Carlo Alfano ha realizzato due dipinti montati su un telaio di alluminio dal titolo Luce-Grigio, del 1982 e Frammenti di un autoritratto anonimo del 1985.


Gioco di fantasmi e teatro dei tempi. Le opere di Alessandra Baldoni, Giorgio Bormida e Gian Luca Groppi in mostra presso la sede di CSArt e ClubArt a Reggio Emilia in occasione di “Fotografia Europea”

Realizzata in collaborazione con l’Associazione Culturale Arteam di Albissola Marina (Sv), l’esposizione sarà inaugurata venerdì 28 aprile 2017, alle ore 18.00, alla presenza degli artisti.

Come spiegano i curatori, «Le opere fotografiche di Alessandra Baldoni, Giorgio Bormida e Gian Luca Groppi trovano assonanza nella costruzione della scena, nelle suggestioni letterarie, nelle ampie aperture oniriche. Il fantasma del passato irrompe nel contemporaneo rivelando immagini persistenti, riconducibili alla tradizione culturale e alla memoria sociale. Inventario, allora, come strumento di conoscenza, warburghiano “Atlante della Memoria” in grado di dare parola all’immagine e spazio al pensiero».

IN TAGLIO & Liz Gordon



LA NOTTE DEL LIBRO 2017

Al via il 24 aprile, presso gli spazi dell’Archivio dell’Architettura Contemporanea di Salerno in via Porta Elina, 27, l'edizione 2017 de “LA NOTTE DEL LIBRO”, organizzata dall’Associazione Laboratorio dei Pensieri Scomposti e patrocinata dal Comune di Salerno e dalla Fondazione Angelo Vassallo.

Quest'anno l'argomento scelto è “la famiglia” intesa nella sua trasformazione, nella sua evoluzione e nei suoi profondi cambiamenti. L’immagine portante sarà l’Orma intesa nel senso del cammino, non solo virtuale, che ognuno di noi deve fare se desidera essere famiglia. In questo cammino abbiamo scomposto la parola Famiglia in Fa… Miglia, le miglia che bisogna percorrere per raggiungere l’obiettivo dello stare insieme. Intorno a questo argomento La Notte del Libro si dividerà in due MOMENTI: la prima parte, dedicata ai bambini/ragazzi sarà affidata all’estro e alle capacità di due caratteristi, burattinai, scrittori, Angelo Coscia con il libro EBRI DI MERAVIGLIA e Sergio Mari con i suoi RACCONTI, libro che sarà presentato anche nella sezione adulti.

Nella seconda parte, dedicata agli adulti, ci sarà un interessante BASTA VADO A DORMIRE, curato da Rita Francese e scritto da genitori di ragazzi autistici, libro che denuncia e descrive, attraverso storie realmente accadute, quali siano le difficoltà che affronta costantemente una famiglia in cui sia presente un giovane con questa sindrome. Racconti toccanti, affascinanti, dove forte esce il senso della solitudine e… non solo. Seguirà l’intrigante libro di Tina Cacciaglia e Marcella Cardassi, LA SIGNORA DELLA MARRA. Si parla di una famiglia (periodo 1300) vissuta a Ravello e di una donna, Chura Rufolo, moglie di Ruggero della Marra uno tra i più potenti casati storici di Ravello. Chura, attraverso una serie di mosse strategiche, non in uso nelle donne dell’epoca, tenterà di salvare la vita a suo marito e padre dei suoi figli, tutto in pochissime ore.

Avremo poi  il Noir di Letizia Vicidomini, NERO. DIARIO DI UNA BALLERINA. Letizia racconta la vita di Simona, una ragazza molto fortunata, un vero talento naturale per la danza classica, con una famiglia benestante, un padre avvocato, una madre che viene dalla Napoli bene,. Ma in un attimo l’ingranaggio si inceppa: Massimiliano, il marito ballerino nonché partner al Teatro San Carlo, manca una presa e Simona crolla sul palcoscenico, fratturandosi i talloni. Da quel momento inizia un viaggio che porta in fondo a un’anima, percorrendo tutte le stazioni dolorose che ne determinano il cambiamento.

Nostro fiore all’occhiello sarà la FAMIGLIA GIBBONI, il nostro libro vivente. Un Padre violinista, una madre pianista, i tre figli anch’essi violinisti, una famiglia la cui forza di coesione non è però la musica.  Saranno con noi nel loro essere “famiglia”. Stimolati dai presenti si racconteranno, non dialogando attraverso le note come normalmente fanno ma questa volta attraverso la voce, attraverso la parola. Loro stessi diverranno un libro tutto da sfogliare. Una famiglia, apparentemente d’altri tempi, che si racconta.

Tutto l’evento sarà arricchito da una scenografia realizzata da Anna Ciufo e Rosanna Giannino e da una serie di immagini che accompagneranno libri e dialoghi.